image_print

Il massimale del finanziamento per la patrimonializzazione raddoppia: da 400 mila euro passa ad 800 mila euro.

Questa misura che Simest spa (gruppo Cassa Depositi e Prestiti) ha messo a disposizione delle imprese si rivolge alle società di capitali che siano PMI (fino a 250 dipendenti e con fatturato fino a 50 milioni di euro e/o totale dell’attivo fino a 43 milioni di euro) e che esportino almeno il 35% del loro fatturato (in media nell’ultimo triennio).

Ogni azienda può chiedere fino al 40% del suo patrimonio netto in base all’ultimo bilancio depositato e sull’importo richiesto può beneficiare di un contributo a fondo perduto pari al 50%.

Il restante 50% dovrà essere restituito in 6 anni (di cui i primi 2 di preammortamento) ad un tasso “quasi-zero” (oggi 0,085% annuo).

Un ulteriore vantaggio di questa misura è che l’impresa non deve concedere garanzie (questa agevolazione è valida fino al 31.12.2020).

Il contributo a fondo perduto ha un massimo di 100.000 euro per azienda.

Per la verifica dei parametri di accesso e per ricevere tutte le informazioni per la Vostra azienda potete scrivere a pmi@pmifincons.it

Potete anche richiedere un accompagnamento nella redazione della richiesta fino all’ottenimento del finanziamento con un costo esclusivamente a success fee.

Oltre alla patrimonializzazione, restano operative anche le altre misure di Simest:

Per qualsiasi informazione su come finanziare i Vostri progetti di internazionalizzazione contattateci: all’interno di queste misure potrebbero esserci soluzioni che rispondono alle Vostre esigenze!

Scriveteci una mail indicando un Vostro recapito telefonico e sarete ricontattati.

Stefania Borghetti