image_print

Fino al 31 dicembre Invitalia può sottoscrivere titoli di debito per le PMI

Il “Fondo Patrimonio PMI”, promosso dal Ministero dell’Economia e delle Finanze di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico, viene destinato alle società per azioni, società in accomandita per azioni e società a responsabilità limitata con ricavi tra 10 e 50 milioni di euro.

Il Fondo ha una dotazione di 4 miliardi di euro ed opera tramite l’acquisto di obbligazioni o titoli di debito, emessi da aziende che abbiano effettuato, dopo il 19 maggio 2020, un aumento di capitale pari o superiore a 250.000 euro.

L’ammontare massimo dei titoli sottoscritti è commisurato al minore fra:

  • 3 volte l’ammontare dell’aumento del capitale eseguito

  • il 12,5% del fatturato 2019.

Esempio:

La società X spa, con ricavi nel 2019 pari a 10 milioni di euro, a fronte dell’aumento di capitale sociale di 500.000 euro può richiedere al Fondo Patrimonio PMI la sottoscrizione di un prestito obbligazionario subordinato fino a 1 milione e 250mila euro, che corrisponde al minore importo tra 3 volte l’aumento di capitale (1,5 milioni di euro) e il 12,5% dei ricavi (1,25 milioni).

Caratteristiche degli strumenti finanziari:

  • il valore nominale del singolo titolo o obbligazione non deve essere inferiore a 10.000 euro;

  • il tasso di interesse agevolato è pari all’1,75% per il primo anno, al 2% per il secondo e terzo anno e al 2,50% per i restanti tre anni;

  • il rimborso avviene al termine del sesto anno dalla sottoscrizione (è prevista la possibilità di un rimborso anticipato dopo il terzo anno);

Requisiti per la richiesta del fondo:

  • avere conseguito un ammontare di ricavi, nell’esercizio 2019, tra i 10 ed i 50 milioni di euro;

  • avere avuto meno di 250 dipendenti, nell’anno 2019;

  • aver subito a causa del Covid-19, una riduzione dei ricavi complessivi nei mesi di Marzo e Aprile 2020 almeno del 33% rispetto allo stesso periodo dell’anno 2019.

Non esistono graduatorie, poiché il Fondo Patrimonio PMI prevede una procedura a sportello e le domande vengono valutate da Invitalia in base all’ordine di arrivo, fino ad esaurimento dei fondi. La sottoscrizione dei titoli deve avvenire entro il 31 dicembre 2020.

Per approfondimenti e chiarimenti su questa misura non esitate a contattarci cliccando qui