image_print
Continua il sostegno per l’innovazione delle imprese nella forma del credito di imposta su progetti di ricerca e sviluppo, ma da quest’anno incentivi 4.0 anche per il design.
PMI vi può accompagnare nell’ottenere i benefici e nel tutelare il know how: richiedi la valutazione gratuita di ammissibilità agli incentivi cliccando qui.

L’86% dei brevetti italiani sono depositati dalle imprese (solo il restante 14% da enti di ricerca ed università): il capitale intellettuale è un asset sempre più riconosciuto come fattore competitivo dalle imprese e dal mercato ed oggi ha degli strumenti di sostegno che non vanno sottovalutati.

Ci sono due importanti novità nel panorama degli incentivi a supporto delle attività di ricerca e sviluppo.

La prima riguarda la base di calcolo: non più solo l’incremento delle spese rispetto al passato (nella fattispecie relativo alla media degli ultimi 3 anni) ma la totalità dei costi sostenuti nell’esercizio – relativi a personale dipendente o collaboratori, materiali e attrezzature – per la realizzazione di progetti di ricerca di base, o sviluppo di nuovi processi e/o prodotti.
La seconda novità è relativa ai contenuti: sono stati introdotti degli incentivi speciali per l’innovazione che apporti un reale cambiamento e miglioramento nei processi di produzione verso la transizione ecologica o digitale 4.0, green o connettività quindi. Non solo però green e digitale ma anche creatività e design: un supporto alle aziende del made in Italy (dedicato ai settori TESSILE e MODA, MOBILE E ARREDO, CALZATURIERO, OCCHIALERIA, ORAFO).
Inoltre il tempo di “recupero” dell’incentivo è più breve di quello previsto per i beni strumentali: il nuovo credito d’imposta sarà fruibile attraverso compensazione in tre anni, a partire dal periodo di imposta successivo a quello di maturazione.
E’ richiesta però la certificazione della documentazione da parte di un professionista (revisore legale dell’azienda o selezionato ad hoc dalla stessa) il cui costo può venire inserito tra le spese agevolate (fino ad un massimo di 5 mila euro).

PMI può seguire con voi la predisposizione documentale del progetto e affiancarvi nell’ottenimento dell’incentivo effettuando anche l’attività di certificazione richiesta. Ogni idea può generare uno sviluppo ma a volte anche un risparmio!

Investimenti 4.0: Ricerca & sviluppo, Innovazione, Design

Tipologia spesa Massimale di spesa agevolabile Credito d’imposta Numero anni Quota/ anno
Ricerca & sviluppo
(ricerca fondamentale, industriale, sviluppo sperimentale)

fino a 3 milioni

12% costo

3

4%
Innovazione

fino a 1,5 milioni

6% costo 3

2%

 Innovazione tecnologica destinata a transizione ecologica e innovazione digitale 4.0

fino a 1,5 milioni

10% costo 3

3,33%

 Design e ideazione estetica
(solo TESSILE e MODA, MOBILE E ARREDO, CALZATURIERO, OCCHIALERIA, ORAFO)
fino a 1,5 milioni 6% costo 3 2%