image_print

Sono stati confermati anche per l’anno corrente gli strumenti agevolativi offerti da Simest per l’internazionalizzazione delle imprese.

La legge di Bilancio 2021, ha confermato il rifinanziamento del Fondo Rotativo 394/1981 di 1,5 miliardi di euroAl Fondo 394/81 per l’export e l’internazionalizzazione sono state assegnate risorse addizionali dalla legge di bilancio 2021. La Manovra 2021 ha assegnato infatti al fondo una dotazione di 1.085 milioni di euro per l’anno 2021 e di 140 milioni di euro per ciascuno degli anni 2022 e 2023. L’operatività del Fondo 394/81 è stata estesa anche ai Paesi dell’Unione Europea. Le domande di finanziamento a tasso agevolato possono ora essere presentate per progetti in mercati UE o extra UE.

Inoltre ci sono 300 milioni di euro che sono destinati alla concessione di quote di finanziamento a fondo perduto. La quota a fondo perduto è stata portata dal 18 settembre 2020 fino al 50% dell’importoper un massimo di 800 mila euro di aiuti complessivi per singola impresa.  Per la quota dei finanziamenti concessi a fondo perduto, la Manovra 2021 ha previsto ulteriori 465 milioni di euro per l’anno 2021 e 60 milioni di euro per ciascuno degli anni 2022 e 2023.

Si ricorda che dallo scorso 9 dicembre 2020 è attivo un nuovo finanziamento agevolato: “Patrimonializzazione a supporto del sistema fieristico”. Il supporto di Simest si amplia cioè al settore nazionale delle fiere.

Gli Enti fieristici italiani e le Imprese nazionali organizzatrici di eventi fieristici di rilievo internazionale potranno accedere direttamente ai finanziamenti agevolati in regime “de minimis” a valere sull’apposita sezione del Fondo 394/81, con cofinanziamenti a fondo perduto in regime di Temporary Framework a valere sul Fondo di Promozione Integrata.

L’importo del finanziamento agevolato può arrivare fino a 10 milioni di euro.

Per informazioni e assistenza contattateci cliccando qui